Confronta gli annunci

Prezzi delle case ancora giù nel 2019 (-1,2% nel primo trimestre)

Prezzi delle case ancora giù nel 2019 (-1,2% nel primo trimestre)

I primi tre mesi dell’anno hanno visto un nuovo calo delle abitazioni usate in Italiapari all’1,2%. Tale ribasso porta il prezzo al metro quadro a una media di 1.733 euro/m2, secondo l’indice dei prezzi di idealista. Su base annuale la casa segna un calo del 3,6%.

Per Vincenzo De Tommaso, responsabile dell’ufficio studi idealista Italia, “i dati confermano la lunga fase di contrazione dei prezzi in atto nel nostro Paese, anche se la domanda ha ripreso da tempo vigore e le erogazioni sono in crescita. Tuttavia, il sistema stenta ancora a smaltire lo stock immobiliare invenduto, sia a livello di aree provinciali che nella maggior parte dei capoluoghi dove vediamo tendenze contrastanti con una prevalenza di zone in calo. Nonostante il potenziale attrattivo della casa, l’auspicata ripresa del comparto stenta e indica che nei prossimi mesi la ripresa del mercato sul fronte dei prezzi sarà lenta”.

In questo link puoi verificare l’evoluzione di tutti i mercati analizzati:

https://www.idealista.it/sala-stampa/report-prezzo-immobile/

Regioni

Primo trimestre del 2019 all’insegna dei ribassi per 13 regioni italiane: la Campania ha segnato la maggior caduta, con un calo del 3,2%, seguita dalla Lombardia (-2,9%) e dal Molise (-2,2%).

Tra le macroaree in controtendenza guida il Friuli Venezia Giulia, con un prezzo di richiesta in aumento del 6,9%, davanti a Valle d’Aosta (2,9%) e Basilicata (1,5%)

La Valle d’Aosta (2.611 euro/m2) scavalca la Liguria (2.545 euro/m2), balzando al primo posto della graduatoria dei prezzi regionali, sul terzo gradino del podio c’è il Trentino-Alto Adige con 2.393 euro al metro quadro. Una graduatoria che vede i valori più bassi in Calabria e nel Molise, rispettivamente con 913 euro e 962 euro al metro quadro.

Province

Prezzi in calo nel 62% delle aree provinciali (quasi 1 provincia su 3), con oltre la metà delle variazioni negative del periodo superiori al 2%. Le percentuali di ribasso maggiori si trovano in provincia di Sondrio (-6,6%), Terni e Viterbo (queste ultime entrambe con -5,3%). Dall’altro lato, Udine (10,1%), Gorizia (5,4%) e Pordenone (3,3%) segnano i maggiori rimbalzi dopo i mesi invernali.

Bolzano (3.334 euro/m2) è la provincia più cara d’Italia. Stando ai dati di idealista, la provincia autonoma altoatesina guida la classifica davanti a Savona (3.278 euro/m2) e Firenze (2.792 euro/m2). Nella parte bassa della classifica, la provincia più economica è sempre Biella (665 euro/m2), mentre salgono a 22 le macroaree dove i prezzi di richiesta non superano i mille euro al metro quadro, segnale anche questo delle difficoltà ad avviarsi verso la ripresa dei valori.

Capoluoghi

Capoluogo per capoluogo il trend al ribasso riguarda 64 centri sui 102 monitorati. Tra questi è Terni la città che ha registrato la peggiore performance del trimestre con un calo medio del 10,3%, seguita da Teramo ed Enna, rispettivamente con ribassi del 6% e del 5,4%. Dall’altro lato del ranking, Gorizia (6,6%) guida la graduatoria degli incrementi dei capoluoghi italiani seguita da Firenze (3,2%) e Parma (3,1%).

Tra i grandi mercati, bene Torino (2,5%) e Bologna (0,7%); pressoché stabile Roma (0,1%); ribassi a Milano (-2,7%) e a Napoli (-4,1%),

Venezia (4.407 euro/m²) rimane la piazza con i metri quadri più cari, davanti a Firenze (3.789 euro/m²) e Bolzano (3.487 euro/m²), che precede a sua volta Milano (3.143 euro/m²). Nella parte bassa del ranking dei valori troviamo Ragusa (879 euro/m²), Caltanissetta (788 euro/m²) e il fanalino di coda Biella con i suoi 731 euro al metro quadro.

L’indice dei valori immobiliari di idealista*

A partire dal rapporto relativo al primo trimestre del 2019, abbiamo aggiornato la metodologia per l’elaborazione del nostro indice dei prezzi. Dopo l’integrazione di idealista/data, un’apposita divisione specializzata nella gestione di grandi volumi di informazioni e nel data modeling, è stata introdotta una nuova metodologia di calcolo che rende la nostra analisi dell’evoluzione dei prezzi, specialmente in aree di piccole dimensioni, ancora più robusta che in passato. Per evitare salti nella nostra serie, i dati dal 2007 sono stati ricalcolati con la nuova metodologia.

Su raccomandazione del team statistico di idealista/data, aggiorniamo la formula per indicare il prezzo medio con maggiore certezza: oltre a eliminare gli annunci atipici e con i prezzi fuori mercato, calcoliamo il valore mediano invece del valore medio. Con questo cambiamento, oltre ad affinare ulteriormente il nostro indice rendendolo più prossimo alla realtà del mercato, omologhiamo la nostra metodologia agli standard internazionali per ottenere i dati immobiliari.

Da questo momento includiamo nell’analisi la tipologia di case unifamiliari (viletta o chalet) e scartiamo gli immobili di qualsiasi tipo che sono stati nel nostro database per molto tempo senza ottenere interazioni utente. Il rapporto è sempre basato sui prezzi di offerta pubblicati dagli inserzionisti di idealista.

img

Immobil Deal

Immobildeal nasce dal confronto tra professionisti affermati nel campo immobiliare e soprattutto come risposta alle necessità e alle richieste delle persone che nel corso del tempo si sono rivolte ai professionisti per manifestare l’esigenza di un sistema di relazioni più semplici e snelle tra proprietari ed acquirenti garanzia di sicurezza. Nel 2018 il progetto definitivo di Immobildeal viene finanziato dal Fondo Microcredito della Regione Lazio classificandosi al primo posto. La proposta progettuale innovativa consiste nell’applicazione di tecnologie di realtà immersiva al settore immobiliare: attraverso la realizzazione di video immersivi le proprietà sono fruibili dai clienti sia in loco che da remoto, grazie all'utilizzo dei visori Vr. Innovazione molto interessante anche per i clienti residenti all’Estero, dove il sistema è già diffuso. La tecnologia immersiva fruibile attraverso sistemi VR è per il venditore una eccezionale occasione per mostrare la proprietà ad acquirenti di tutta Europa, facilitandone la divulgazione e la vendita. Il mercato verso cui siamo diretti è rappresentato da proprietà di fascia medio alta: immobili di alto pregio che talvolta si vendono con difficoltà. Invero l'applicazione della tecnologia immersiva rappresenta un canale divulgativo pratico ed efficace per raggiungere facilmente acquirenti residenti in altre Nazioni. Si tratta di una clientela altamente selezionata, con ottimo livello culturale, in grado di apprezzare le nuove tecnologie, con elevata capacità di spesa e dall'elevato senso pratico e non disposta ad utilizzare il proprio tempo in sopralluoghi inutili tra le innumerevoli offerte presenti sul mercato immobiliare. Il servizio Immobildeal, altamente professionale, offre valore aggiunto alla propria clientela grazie all'anticipazione e alla spinta di una tecnologia ben lontana dal classico virtual tour, dando vita in questi termini ad un prodotto di realtà aumentata anche attraverso l'utilizzo di fotocamere immersive e al processamento di attività per la produzione di contenuti editoriali ad alto tasso tecnologico. Vieni a scoprirci!

Post correlati

A spasso tra i quartieri di Roma: Trieste Salario

ABITARE A TRIESTE SALARIO La zona di Trieste Salario è una delle più affascinante e ricche di...

Continua a leggere
Immobil Deal
di Immobil Deal
  • News

La certificazione energetica APE

La certificazione energetica APE Nel 2013 il decreto legge 63/2013 introduce l'obbligo...

Continua a leggere
Immobil Deal
di Immobil Deal
  • News

Immobilcons la nuova frontiera della consulenza

Immobilcons la nuova frontiera della consulenza www.immobilcons.it è la piattaforma dove...

Continua a leggere
Immobil Deal
di Immobil Deal

Partecipa alla discussione