Confronta gli annunci

Esecuzioni immobiliari 2020, novità nel decreto Milleproroghe

Esecuzioni immobiliari 2020, novità nel decreto Milleproroghe

Il debitore non perde il possesso dell’immobile pignorato sino al decreto di trasferimento. Un principio che un emendamento a firma M5S estende anche alle espropriazioni in corso. Ma è davvero meglio così?

Circa un anno fa, con l’art. 18-bis del dl 162/2019, è stato introdotto il principio per cui un debitore in sofferenza che veda la propria casa pignorata non ne perde tuttavia l’uso se non dopo la pronuncia del decreto di trasferimento. Ciò per evitare che il debitore in questione potesse trovarsi dall’oggi al domani senza una dimora. Tale principio, con il decreto Milleproroghe approvato in commissione, viene esteso a tutte le espropriazioni in corso, non solo a quelle avviate da febbraio 2019, a modifica dell’articolo 4 del dl 135/2018, disponendo che i provvedimenti già emessi siano revocati.

Il M5S rivendica tale emendamento, sottolineando di aver “sempre segnalato l’assurdità di procedure esecutive che portano a far sloggiare in quattro e quattr’otto dai loro immobili cittadini e imprenditori sottoposti a procedura esecutiva. Già nel decreto semplificazioni siamo intervenuti modificando l’art. 560 del codice di procedura civile e prevedendo che quando l’immobile pignorato è abitato dal debitore e dai suoi familiari, il giudice non può mai disporre il rilascio dell’immobile pignorato prima della pronuncia del decreto di trasferimento. In altri termini il debitore, se l’oggetto dell’esecuzione è costituito dall’abitazione principale dove vive con la famiglia, ha la garanzia di potervi permanere fino alla vendita. Adesso, questa norma di tutela nei confronti di cittadini e imprenditori è estesa e si applica anche alle esecuzioni in corso al febbraio 2019. Un intervento che consentirà di evitare circa 100 mila sloggi”.

Tuttavia, tale provvedimento potrebbe rivelarsi un boomerang, dal momento che in questo modo l’immobile in oggetto perderà ulteriore valore sul mercato, non essendo subito disponibile e richiedendo tempistiche superiori per poter entrare nella proprietà effettiva di chi l’acquista. In questo modo il rischio di tentativi di vendita infruttuosi e di calo drastico dei prezzi diventa molto alto, secondo Confedilizia.

“L’approvazione dell’emendamento costituisce un grave rischio per il mercato delle aste giudiziarie”, – commenta infatti l’ente, secondo cui già la formulazione iniziale del 2019 “rappresentava un radicale stravolgimento della precedente impostazione normativa. Secondo il vecchio testo dell’art. 560, infatti, la permanenza del debitore nell’immobile oggetto di esecuzione forzata costituiva un’eventualità e avveniva a discrezione del giudice dell’esecuzione, che poteva autorizzare il debitore a continuare ad abitare nell’immobile. E in questa prospettiva erano anche previste disposizioni – pure queste soppresse – che dettavano un procedimento semplificato e accelerato per la liberazione dell’immobile. Allo stato, invece, è la liberazione anticipata dell’immobile che rappresenta una mera eventualità, condizionata al verificarsi di una delle ipotesi sopra indicate. La regola è l’occupazione del bene da parte del debitore e dei suoi familiari fino al decreto di trasferimento”.

Con l’estensione del meccanismo a tutti i procedimenti in essere le conseguenze potrebbero essere ancor peggiori. “E’ un dato di comune esperienza, – commenta Confedilizia, – che un immobile occupato non sia particolarmente appetibile (richiedendo la sua liberazione diverso tempo) e venga, quindi, liquidato con maggior difficoltà. Il risultato è che con questa ulteriore modifica aumenteranno i tentativi di vendita e si ridurranno i prezzi di aggiudicazione, con minore soddisfazione non solo dei creditori, ma anche degli stessi debitori esecutati, cioè proprio dei soggetti che l’intervento di riforma si propone di favorire”.

img

Immobil Deal

Immobildeal nasce dal confronto tra professionisti affermati nel campo immobiliare e soprattutto come risposta alle necessità e alle richieste delle persone che nel corso del tempo si sono rivolte ai professionisti per manifestare l’esigenza di un sistema di relazioni più semplici e snelle tra proprietari ed acquirenti garanzia di sicurezza. Nel 2018 il progetto definitivo di Immobildeal viene finanziato dal Fondo Microcredito della Regione Lazio classificandosi al primo posto. La proposta progettuale innovativa consiste nell’applicazione di tecnologie di realtà immersiva al settore immobiliare: attraverso la realizzazione di video immersivi le proprietà sono fruibili dai clienti sia in loco che da remoto, grazie all'utilizzo dei visori Vr. Innovazione molto interessante anche per i clienti residenti all’Estero, dove il sistema è già diffuso. La tecnologia immersiva fruibile attraverso sistemi VR è per il venditore una eccezionale occasione per mostrare la proprietà ad acquirenti di tutta Europa, facilitandone la divulgazione e la vendita. Il mercato verso cui siamo diretti è rappresentato da proprietà di fascia medio alta: immobili di alto pregio che talvolta si vendono con difficoltà. Invero l'applicazione della tecnologia immersiva rappresenta un canale divulgativo pratico ed efficace per raggiungere facilmente acquirenti residenti in altre Nazioni. Si tratta di una clientela altamente selezionata, con ottimo livello culturale, in grado di apprezzare le nuove tecnologie, con elevata capacità di spesa e dall'elevato senso pratico e non disposta ad utilizzare il proprio tempo in sopralluoghi inutili tra le innumerevoli offerte presenti sul mercato immobiliare. Il servizio Immobildeal, altamente professionale, offre valore aggiunto alla propria clientela grazie all'anticipazione e alla spinta di una tecnologia ben lontana dal classico virtual tour, dando vita in questi termini ad un prodotto di realtà aumentata anche attraverso l'utilizzo di fotocamere immersive e al processamento di attività per la produzione di contenuti editoriali ad alto tasso tecnologico. Vieni a scoprirci!

Post correlati

  • News

La certificazione energetica APE

La certificazione energetica APE Nel 2013 il decreto legge 63/2013 introduce l'obbligo...

Continua a leggere
Immobil Deal
di Immobil Deal
  • News

Immobilcons la nuova frontiera della consulenza

Immobilcons la nuova frontiera della consulenza www.immobilcons.it è la piattaforma dove...

Continua a leggere
Immobil Deal
di Immobil Deal
  • News

A spasso per i quartieri di Roma: Nomentano

Abitare nel Quartiere Nomentano Il quartiere Nomentano nasce attorno alla famosa strada dalla...

Continua a leggere
Immobil Deal
di Immobil Deal

Partecipa alla discussione