Confronta gli annunci

Breve storia dell’urbanistica in Italia

Breve storia dell’urbanistica in Italia

Breve storia dell’urbanistica in Italia

L’urbanistica è l’attività di programmazione e pianificazione del territorio. Il suo scopo è quindi quello di sfruttare in modo razionale il territorio e di contenere il più possibile gli effetti deleteri che l’intervento dell’uomo può avere sull’ambiente circostante.

LEGGE 1150/42

In Italia una prima disciplina urbanistica di carattere generale ci fu nel 1942 con la legge 1150 del 17 agosto. Questa legge assoggettò a pianificazione tutto il territorio comunale che sarebbe stato a sua volta suddiviso in zone funzionali diverse in base alle destinazioni d’uso.

Per la prima volta si poneva un limite all’uso dei terreni da parte dei proprietari: non tutti i terreni potevano essere usati a scopo edificatorio e comunque anche quelli edificabili dovevano rispettare gli indici di edificabilità.

La legge 1150 del 17 agosto 1942 introdusse una distinzione nella pianificazione dell’uso del suolo: da una parte si prestava attenzione al singolo aggregato urbano e dall’altra invece si guardava con attenzione a porzioni più ampie di territorio. Si crearono quindi da una parte i piani regolatori generali e dall’altra i piani territoriali di coordinamento.

Anche se la legge rappresentava un passo avanti presentava comunque diverse lacune che divennero molto evidenti una volta finita la guerra, quando la ricostruzione e il successivo boom economico fecero crescere le città con una velocità che creò non poco disordine.

LEGGE PONTE n 765/67

Per rispondere quindi all’esigenza di chiarezza e ordine si arrivò nel 1967 all’emanazione della “legge ponte” n.765 del 6 agosto.

Questa legge introdusse alcune novità come ad esempio l’obbligo della licenza edilizia che venne estesa su tutto il territorio comunale rimanendo comunque gratuita. Inoltre furono fissati dei limiti di edificabilità in mancanza di un piano urbanistico generale e vennero introdotti degli standard minimi di servizi.

LEGGE BUCALOSSI n 10/66

Circa 10 anni più tardi le norme urbanistiche vennero ulteriormente ampliate con la legge “Bucalossi”. Essa sostituì la licenza edilizia con l’istituto della concessione edificatoria e sancì in modo definitivo la distinzione tra diritto di costruire e diritto di proprietà.

Se la licenza edilizia era infatti un’autorizzazione, grazie alla legge Bucalossi si iniziò a parlare di concessione e cioè del poter della Pubblica Amministrazione di conferire al terreno del privato un qualcosa di cui in precedenza non disponeva: la possibilità di essere soggetto ad edificazione.

L’adeguamento a queste norme non fu ovviamente rapido ed uniforme. Questi furono anni in cui l’abusivismo edilizio dilagava e le autorità, nell’impossibilità di reprimere gli illeciti, ritennero opportuno ricorrere a condoni per regolarizzare le difformità.

Ci furono quindi 3 condoni:

  • Legge 47/1985
  • Legge 724/1994
  • Legge 326/2003

Il condono si ottiene con il pagamento al Comune di un’oblazione cioè di una somma di denaro.

Oltre al condono, che riguarda casi “gravi”, il Testo Unico prevede anche una sanatoria generale per tutte le opere che, anche se eseguite in assenza del permesso necessario, sono di base conformi alla legge e agli strumenti urbanistici.

img

Immobil Deal

Immobildeal nasce dal confronto tra professionisti affermati nel campo immobiliare e soprattutto come risposta alle necessità e alle richieste delle persone che nel corso del tempo si sono rivolte ai professionisti per manifestare l’esigenza di un sistema di relazioni più semplici e snelle tra proprietari ed acquirenti garanzia di sicurezza. Nel 2018 il progetto definitivo di Immobildeal viene finanziato dal Fondo Microcredito della Regione Lazio classificandosi al primo posto. La proposta progettuale innovativa consiste nell’applicazione di tecnologie di realtà immersiva al settore immobiliare: attraverso la realizzazione di video immersivi le proprietà sono fruibili dai clienti sia in loco che da remoto, grazie all'utilizzo dei visori Vr. Innovazione molto interessante anche per i clienti residenti all’Estero, dove il sistema è già diffuso. La tecnologia immersiva fruibile attraverso sistemi VR è per il venditore una eccezionale occasione per mostrare la proprietà ad acquirenti di tutta Europa, facilitandone la divulgazione e la vendita. Il mercato verso cui siamo diretti è rappresentato da proprietà di fascia medio alta: immobili di alto pregio che talvolta si vendono con difficoltà. Invero l'applicazione della tecnologia immersiva rappresenta un canale divulgativo pratico ed efficace per raggiungere facilmente acquirenti residenti in altre Nazioni. Si tratta di una clientela altamente selezionata, con ottimo livello culturale, in grado di apprezzare le nuove tecnologie, con elevata capacità di spesa e dall'elevato senso pratico e non disposta ad utilizzare il proprio tempo in sopralluoghi inutili tra le innumerevoli offerte presenti sul mercato immobiliare. Il servizio Immobildeal, altamente professionale, offre valore aggiunto alla propria clientela grazie all'anticipazione e alla spinta di una tecnologia ben lontana dal classico virtual tour, dando vita in questi termini ad un prodotto di realtà aumentata anche attraverso l'utilizzo di fotocamere immersive e al processamento di attività per la produzione di contenuti editoriali ad alto tasso tecnologico. Vieni a scoprirci!

Post correlati

  • News

Ricerchiamo per Poste Italiane un terreno edificabile

Ricerchiamo per Poste Italiane un terreno edificabile di superficie minima di 6.600 mq Nel...

Continua a leggere
Immobil Deal
di Immobil Deal
  • News

Pubblica il tuo annuncio gratis

Pubblica il tuo annuncio gratis. Hai un immobile da vendere o da affittare, ma il solo pensiero...

Continua a leggere
Immobil Deal
di Immobil Deal
  • News

Come acquistare un immobile facendo un affare

Come acquistare un immobile facendo un affare: oggi ti spiego come fare Forse non sai che ci...

Continua a leggere
Immobil Deal
di Immobil Deal

Partecipa alla discussione